Come eravamo? BELLI! Antonio Di Lello - Villa Santa Maria, Patria di San Francesco Caracciolo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Come eravamo? BELLI! Antonio Di Lello

LA FOTOGRAFIA
VERA TESTIMONIANZA DI UN PASSATO DA NON DIMENTICARE

Il passato non deve essere dimenticato perché tutto quello che siamo nel presente è stato costruito solo e soltanto dalle nostre esperienze passate. Per questo se ci sta cuore il futuro, se vogliamo un futuro sempre migliore non dovremmo ignorare il passato. Nessuno di noi dovrebbe cercare di cancellare dalla memoria il proprio passato, le cose fatte e vissute. Nel passato di ognuno c’è sicuramente l’amore, l’odio, il dolore, la felicità e ognuna di queste sensazioni è legata ad una persona, ad un luogo ad un fatto accaduto. Il valore del presente lo gustiamo di più se riusciamo a sentire il profumo del passato.
Si dice che la Storia è Maestra di vita e la Storia non è altro che la testimonianza del passato e la vita della nostra memoria, dunque il passato è maestro di vita.
Il passato non si può dimenticare perché mentre il presente è molto breve e il futuro è colmo di dubbi, il passato è l’unica certezza della nostra vita. Non dovremmo mai ripensare al passato con la rabbia nel cuore. Esso è chiuso dentro la memoria di ognuno di noi e dobbiamo solo rispolverarlo, ma la scelta di cosa rispolverare è dovuta solo a noi.
Un detto che dovrebbe illuminarci è che “La persona veramente saggia non si dispiace e non si tormenta mai del passato per il semplice fatto che esso è ormai concluso e non può essere cambiato e allo stesso modo non si preoccupa del futuro perché esso deve ancora venire.”
Ma è innegabile che quello che meglio di ogni altra cosa evoca il passato con maggiore chiarezza è la fotografia. Questo mi ha fatto pensare ad una raccolta di foto, di foto però che possano evocare un tempo piuttosto remoto. Con certosina pazienza allora, da molto tempo ho lavorato in questo senso e sono riuscito a raccogliere ad oggi oltre 700 fotografie antiche villesi e la raccolta non si ferma qui.
Ma una tale mole di testimonianze non poteva rimanere chiusa in un cassetto. Era necessario che si riuscissero a socializzare le foto raccolte. Questo mi ha fatto pensare ad un libro e ad una serie di video da pubblicizzare sui social, in modo che ognuno nel potesse godere.
Spinto e sostenuto allora dalle carissime amiche Ilaria Trivellato ed Eva Talone ho deciso di procedere ad entrambe le cose, cominciando a lavorare sul libro e contemporaneamente realizzando una serie di video a capitoli e pubblicando i capitoli man mano sui social, dopo aver raccolto le foto per argomenti. La cosa non è sfuggita all’occhio esperto dell’amico Mauro Carbonetta, che ha voluto ospitare anche sul suo sito, unico sito di Villa Santa Maria, i video man mano che uscivano.
La mia viva speranza è che il lavoro possa essere bene accettato da tutti i compaesani. Se non lo sarà, sappiano i Villesi che l’ho fatto solo spinto dal bene che voglio al nostro paese.

Tonino Di Lello

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu