LA COMMERCIALE - Villa Santa Maria, Patria di San Francesco Caracciolo

Vai ai contenuti

Menu principale:

LA COMMERCIALE

LA COMMERCIALE
Sempre a proposito della vena imprenditoriale dei Villesi nella storia, ci piace approfondire alcuni tratti della Società Commerciale che svolgeva la propria attività nei locali che tutti ricordano alla stazione.
Tutto iniziò agli inizi del 900 grazie alla iniziativa di Nicolantonio Di Cicco e Giuseppe Tavano i quali, insieme a Nicola Sabatini  costituirono la  “Società Commerciale” di Di Cicco-Tavano &C. All’inizio commercializzava fondamentalmente materiale da costruzione e poco altro, ma alla fine della prima guerra mondiale la società fu allargata a nuovi soci nelle persone di Giuseppe Finuoli, Antonio e Giuseppe Di Lello (di Colledimezzo), Antonio Saccone e Domenico Maiocco (molti di loro sono ritratti nella foto pubblicata). E così con l’avvento di queste nuove forze l’attività si allargò a vista d’occhio cominciando a trattare legname, ferro, carbone, materiale da costruzione, cereali, legumi, coloniali, droghe, generi alimentari e molto altro. Inutile dire che in breve l’azienda divenne il punto di riferimento non solo per Villa e la zona circostante, ma anche per centri più lontani, basti pensare che per la commercializzazione ed i rifornimenti poteva contare addirittura su un binario della Ferrovia Sangritana che giungeva fin dentro il piazzale della Ditta. Le consegne avvenivano spesso con mezzi propri e ricordo ancora il camion 643 rosso guidato da Filippo Pasquini. Dopo la seconda guerra, l’intraprendente Nicolantonio Di Cicco rilevò l’intera società insieme con i figli Adelchi ed Erasmo e per rendere più completo il servizio al pubblico venne aggiunto un distributore di carburanti tutt’ora funzionante, ovviamente con altro gestore.
Questa era Villa S. Maria, il paese pilota e di riferimento per tutta la Valle del Sangro ed oltre.
Vito PAOLINI

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu