Villa Santa Maria Patria dei Cuochi e di San Francesco Caracciolo


Vai ai contenuti

MADONNA DEL ROSARIO

LA STORIA > LE CHIESE

Madonna del Rosario. Foto di Mauro Carbonetta.

Chiesa settecentesca, con sistemazione dell’edifico avente caratteristiche tipiche delle “confraternite”. L’edificio, infatti, si sviluppa su due piani; il piano superiore che costituisce la chiesa vera e propria, in cui si svolgevano le funzioni religiose e in cui si riuniva la Congrega; il secondo interrato a cui si accedeva mediante un’apertura ricavata nella zona absidale e in cui venivano sepolti i confratelli defunti.
Il campanile, che sorge in fondo sul lato destro della Chiesa, guardando la facciata, è in bella e caratteristica muratura e termina a terrazzo, con bassa cella campanaria.

La facciata principale, in pietra, è bella per la sua semplicità e presenta come suo unico ornamento il portale.
L’interno ad una navata, è un apprezzabile esempio di architettura sei-settecentesca.
La cantoria è realizzata in muratura con un parapetto a pianta curvilinea sporgente verso la navata centrale.
La navata centrale è coperta da due volte a botte sistemate in maniera trasversale con lunette e separate da un arco su lesena. Ai lati della navata centrale sono presenti due cappelle per lato, senza profondità, con altrettanti altari. All’inizio dell’abside, davanti al quadro, bell’altare in gesso “marmolato”, simile a quello della Chiesa di San Nicola e sicuramente opera degli stessi artisti locali.
Apprezzabile il pavimento nella sua povertà e semplicità, costituito da mattonelle quadrate in semplice laterizio.
Sulla cantoria campeggia l’
Organo, un vero gioiello.
Diversi i dipinti presenti.
Una
Madonna del Rosario, posta sull’altare maggiore, del Ranieri che rappresenta, al centro del dipinto e in piedi su una nuvola, la Vergine Maria con il Bambino Gesù. Una Madonna Immacolata e Santi, posta sull’altare laterale, dello stesso Ranieri, su uno schema di derivazione classicista, dispone le figure seguendo un ordine che ricorda la forma piramidale: in alto la Vergine Maria, ai suoi lati sei angioletti in volo e in basso sostano, raccolti in preghiera, i Santi Francesco di Paola e Bernardo. Una Madonna Assunta e Santi, con in alto la Vergine e gli angeli e in basso le figure dei Santi Francesco Saverio e Vincenzo Ferreri. Un Martirio di Santo Francescano (olio su tela, 55 x 39), collocato lungo la navata, riconducibile alla scuola del Ranieri.



Torna ai contenuti | Torna al menu