VILLA CHE ERAVAMO Ancora mine ed esplosioni - Villa Santa Maria, Patria di San Francesco Caracciolo

Vai ai contenuti

Menu principale:

VILLA CHE ERAVAMO Ancora mine ed esplosioni

Ancora una testimonianza dell’amico Nicola Di Nino ed ancora una volta di un passaggio minato dai tedeschi  fortunatamente senza conseguenze mortali per nessuno. Quella volta l’esplosione interessò l’enorme masso che incontriamo sulla strada verso la Madonna in Basilica a ridosso della “P’ncer’” poco dopo “Dentr l’Ort”. I tedeschi in ritirata vollero sbarrare ogni  possibile passaggio dietro le loro spalle mentre erano in ritirata e così posizionarono l’esplosivo proprio ai piedi di quella roccia affinché sgretolandosi  ostruisse la strada adiacente. “L’esplosione fu così forte –ricorda Nicola- che sua madre ebbe un sobbalzo mentre si lavava i capelli” nella loro casa for’ p’ la vianov’, dall’altra parte del fiume. Ovviamente i bambini, con lui a capo, andarono sul posto per curiosare ed osservarono effettivamente la strada ostruita. Ci siamo ritornati sul posto preciso io e Nicola ed abbiamo osservato e fotografato  la grande pietra mancante di un pezzo. Tutti guardando bene in alto possono vedere il punto del distacco dei massi dalla pietra. E’ storia. Grazie Nicola.
Vito PAOLINI

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu