VILLESI CUOCHI E...MUSICISTI - Villa Santa Maria, Patria di San Francesco Caracciolo

Vai ai contenuti

Menu principale:

VILLESI CUOCHI E...MUSICISTI

VILLESI CUOCHI E...MUSICISTI

Quasi tutti conoscono la fama che si è conquistata Villa S. Maria per aver dato i natali ad intere dinastie di eccellentissimi cuochi, pochi invece sanno che a Villa sono nati anche prestigiosi musicisti e compositori  già agli albori del 1600. Stiamo parlando di Pietro Marchitelli e suo nipote  Michele Mascitti.
PIETRO MARCHITELLI
Nacque appunto a Villa nel 1643 ma fu a Napoli che fece fortuna diventando “ primo violino” presso la Reale Cappella e presso l’orchestra del teatro San Bartolomeo all’epoca diretta addirittura da Alessandro Scarlatti, suo grande amico. Proprio qui divenne il primo maestro del nipote Michele Mascitti riuscendo anche ad inserirlo come “ violino soprannumerario” nella Real Cappella. Per la sua straordinaria tecnica violinistica Pietro Marchitelli viene considerato il fondatore della scuola violinistica napoletana. Morì a Napoli il 6 febbraio 1729 e qui fu tumulato nella chiesa di S. Nicola della Carità.
MICHELE MASCITTI
Nato a Villa nel 1664, giovanissimo si traferì a Napoli dove, grazie alle sue doti ed un po’ allo zio paterno e compositore Pietro Marchitelli, fu assunto prima come “violino soprannumerario” e poi “promosso primo violino” alla Real Cappella nel 1683 ad appena 19 anni. Ma dopo pochi anni, nel 1702 si trasferì a Parigi passando per Germania e Olanda. Nella capitale francese subito si distinse e giunse ad esibirsi con grande successo alla presenza del Re, del Delfino e dell’intera Corte, mentre le sue innumerevoli pubblicazioni andavano a ruba. Entrò anche nelle grazie prima del mecenate  Duca  Filippo D’Orleans e poi  della influente famiglia di finanzieri Crozat presso cui rimase ospite praticamente fino alla morte il 19 aprile 1760. Nel 1739 ottenne la cittadinanza francese e dopo pochi mesi sposò Marie-Anne Labattue. Virtuoso del violino, partecipò attivamente alla vivace vita concertistica parigina raccogliendo sempre appassionato consenso. In Francia tutti lo conoscevano come Michel.
Vito PAOLINI

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu