VILLESI NEL MONDO - Villa Santa Maria, Patria di San Francesco Caracciolo

Vai ai contenuti

Menu principale:







SCUOLA DI CUCINA
Villa Santa Maria, sede del prestigioso Istituto Tecnico Alberghiero “Giovanni Marchitelli”, patria dei cuochi e paese natale di San Francesco Caracciolo “Patrono dei Cuochi d’Italia” non ha una risonanza nazionale, come meriterebbe, nonostante annualmente vi si celebri la tradizionale Rassegna Gastronomica.
Durante il periodo non scolastico, sarebbe il caso di sfruttare il complesso dell’Istituto Alberghiero per istituire dei brevi corsi estivi di cucina per amatori, poiché già dotato di alloggi muniti di ogni confort e di modernissime attrezzature di cucina. Si darebbe così una maggiore visibilità ed un ritorno economico al già notissimo Istituto oltre a permettere un ‘occupazione stagionale a chi cerca lavoro.
Tante altre realtà territoriali italiane hanno già realizzato programmi del genere. Nonostante Villa S. Maria annoveri già da tanti anni l’annuale “ Rassegna Gastronomica “, essa rimane comunque una manifestazione conosciuta soltanto nella nostra regione e da quelle i cui rappresentanti vengono invitati a parteciparvi.
Mi è capitato spessissimo, andando in qualche ristorante, di domandare agli addetti ai lavori della cucina e della sala, se conoscessero il nome del Santo Patrono nazionale della propria rappresentanza professionale; nessuno ha mai saputo dirmelo.
Ritengo che la conoscenza di San Francesco Caracciolo, quale Patrono dei Cuochi d’Italia, dovrebbe essere maggiormente divulgata, magari cercando di farlo attraverso una delle tante trasmissioni culinarie televisive.
Infatti, ogni giorno, da diversi anni, si vedono programmi televisivi che trattano argomenti gastronomici, ma di Villa Santa Maria, famosa Patria dei Cuochi e paese che ha dato i natali a San Francesco Caracciolo – Patrono dei cuochi d’Italia – nessuno fa menzione.
Nel settembre 2011, dalla California, arrivò a Villa S. Maria la dottoressa Tina Sciabica, ambasciatrice Unicef nel mondo, figlia di mia cucina Ilde Turco, emigrata in America nel lontano 1947– che, oltre ad essere interessata a conoscere i luoghi di origine della famiglia, voleva sapere – avendo sentito tanto parlare in famiglia del famoso Istituto Alberghiero – se in tale struttura ci fosse stata la possibilità di seguire un corso di cucina estivo per amanti della buona tavola.
Fu grande la sua delusione quando le fu risposto che questa possibilità non c’è mai stata. La stessa essendo fermamente intenzionata ad assecondare questo suo desiderio, si informò in quale altra località italiana si sarebbe potuta cimentare in corsi culinari. Trovò questa occasione in Toscana, dove si tengono corsi di cucina, costantemente e di ogni tipo, così ci si recò per seguirne alcuni.
Durante la sua breve presenza a Villa, ebbe comunque la fortuna di visitare l’Istituto grazie alla gentile disponibilità del signor Vito Paolini, allora sindaco di Villa S. Maria , e della sua signora che accompagnò la dottoressa Sciabica in ogni reparto dell’Istituto.
Successivamente, parlando con i vari componenti dell’amministrazione comunale, feci presente che, se l’idea della dottoressa Sciabica poteva essere realizzata in seguito, lei avrebbe comunque avuto la possibilità di indirizzare a Villa diverse personalità interessate a frequentare questi corsi estivi.
Ora io vorrei fare una richiesta, ma non so se rivolgere la domanda all’Amministrazione comunale o all’Istituto Tecnico Alberghiero “Giovanni Marchitelli” di Villa Santa Maria o all’Associazione Cuochi : - non è proprio possibile che nel paese : “Patria dei Cuochi”, non possano tenersi dei corsi di cucina per amatori ?
Attualmente sono in corrispondenza dagli Stati Uniti con la dottoressa Pat Tinto, scrittrice, nipote del grande chef Luigi Maiocco, proprietario dell’ex Albergo Nuovo di Villa S. Maria. La dottoressa Pat Tinto, che dovrei incontrare a Roma nella prima decade del prossimo mese di maggio, venendo in Italia e recandosi a Villa S. Maria, oltre al desiderio di conoscere meglio le vicende del nonno, relativamente al periodo villese dell’ occupazione tedesca , vorrebbe visitare l’Istituto Alberghiero e scrivere un libro sulle tante ricette della cucina abruzzese,
Con le opportunità descritte, quale migliore occasione avrebbe Villa S. Maria di farsi conoscere per quello che merita attraverso un libro che sarebbe di portata internazionale?
Sarebbe possibile dare seguito e concretezza a questa mia idea?
Grazie a chi vorrà darmi una risposta.
Tinto Luciano
Oggi, 26 novembre 2015, il freddo di questo tedioso autunno, si fa sentire ancora più pungente, i brividi solcano la pelle, ed il cielo piange.
La pioggia scende come un pianto celeste, come a voler partecipare congiunta al nostro dolore.
Questa è la vita, che spesso ci riserva delle belle sorprese, interrotte improvvisamente da momenti più dolorosi.
Così, quando viviamo intensamente la gioia di un evento felice, non immaginiamo che un improvviso temporale, possa abbattersi bruscamente su di noi, per portarci via il sereno.
Oggi il freddo di questo tedioso autunno, partecipa commosso al nostro dolore e nel silenzio, verrà interrotto solo da un tocco di campane che annuncia la primavera.
Domani fiorirà una nuova stella nel firmamento, e noi tutti nelle notti d’agosto, alzando gli occhi al cielo, la vedremo cadere sulla terra, per portarci il saluto di un uomo, che con un brivido, ci ricorderà quanto è stato importante per noi.
Non dimenticheremo la grande dignità della vita semplice e laboriosa del caro Tonino Stanziani, confermata dalla serenità del suo trapasso: che ci possa essere d’esempio, nel dolore e nella perdita.
Luciano Tinto.

La dolce vita del “Posta” di Cortina
Il “bar” dell'albergo simbolo del centro dolomitico ha richiamato numerosi villeggianti illustri, attirati dai cocktail del barman Antonio Di Franco. Che a settantasette anni compiuti continua a star dietro al bancone di legno.
scritto da CLAUDIO MADRICARDO 25 maggio 2018
Fonte:  https://ytali.com


Data: 08/01/2018
Villa Santa Maria.
Governo stanzia 800mila euro per recupero Palazzo Castracane
La commissione per la selezione degli interventi di cui al progetto "Bellezza@ - Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati" ha concluso le proprie attività nella riunione del 15 dicembre selezionando queste 16 emergenze culturali per l’Abruzzo, per complessivi 13.402.783 euro:
Il progetto "Bellezza@ - Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati"è stato voluto da Palazzo Chigi per valorizzare siti storico-artistici poco conosciuti;a questo scopo il Governo ha messo a disposizione 150 milioni di euro.
Tutti i cittadini hanno potuto segnalare all’indirizzo di posta elettronica bellezza@governo.it un luogo pubblico da recuperare, ristrutturare o reinventare per il bene della collettività o un progetto culturale da finanziare. In riferimento alle richieste pervenute, si segnala che i luoghi interessati sono stati 7.540, distribuiti in 3.197 comuni.
Intervento: Palazzo Castracane
Località: Villa Santa Maria (CH)
Importo: 800.000
___________________________________________________________________________________________________
LETTERA ALLA REDAZIONE: presentazione progetto di riqualificazione urbana quartiere, la preit
DATA: 25/01/2017   
NOME E COGNOME: Mauro Carbonetta
Data: 14/04/2017
Alla cortese attenzione del Sindaco
Comune di Villa Santa Maria
Egr Sig. Sindaco,
in occasione della 1 festa di quartiere la preit (agosto 2011), i sottoscritti Mauro Carbonetta e l’architetto Fabio Colaizzi, progettarono una riqualificazione urbana della piazzetta (vedi progetto allegato) in Via Gradini Ponte. Tale progetto entusiasmò i cittadini ma, non riuscì a decollare.
Ufficialmente, il sottoscritto Mauro Carbonetta, torna a proporlo a lei e all’amministrazione comunale affinché possa essere finanziato e inserito in un eventuale programma di realizzazioni di progetti e interventi di riqualificazione del centro urbano e storico.
A titolo di esempio, in altri paesi con meno opzioni di rilancio rispetto al nostro si è visto che l’investimento nella valorizzazione delle risorse locali ha dato consistenti benefici in termini di rilancio dell’economia locale e di immagine:
-Tornareccio, piccolo paese vicino ad Atessa, ha una sua sostenibilità fondata su apicoltura e caseifici, e che è diventato, un museo a cielo aperto, con oltre 80 mosaici installati sulle facciate delle case, che raffigurano bozzetti di artisti di fama internazionale.
Centinaia di artisti da tutta Europa, 80 mosaici, 22 mostre portate in paese e la collaborazione con l’Accademia di belle arti di Ravenna. Ogni anno si ripete il concorso, “Un mosaico per Tornareccio”.
Si organizzano eventi per avvicinare i turisti alle eccellenze locali, soprattutto ai prodotto dell’apicultura.
-Treglio è "paese dell'Affresco", riconosciuto in tutto il mondo, un titolo formalizzato con la Legge Regionale n. 59 del 2012 e poi con la Legge Regionale n. 49 del 2013.
Il Comune ha anche un laboratorio permanente di pittura a fresco che fa parte della Scuola Internazionale di Affresco, aperto a tutti e diretto dal maestro Vico Calabrò.
Gli obiettivi della manifestazione sono salvaguardia, valorizzazione e diffusione dell'arte della pittura a fresco; la gestione di laboratori permanenti aperti a tutti; la libera fruizione delle opere d'arte e dei murales ai fini dello sviluppo turistico sostenibile; la valorizzazione e la diffusione del patrimonio artistico di pittura affrescata. Per una settimana Treglio si trasforma in una grande scuola all'aperto. Il tema filo conduttore di tutte le edizioni è "olio e vino", simboli di una popolazione legata alla tradizione contadina e pastorale. Al Comune, tramite apposito modulo, ogni residente può presentare richiesta di realizzazione di affresco presso la propria abitazione.
A Villa Santa Maria si potrebbe incentivare il turismo religioso con varie iniziative, tra le quali un percorso artistico-architettonico dedicato alla vita di San Francesco Caracciolo attraverso la realizzazione di affreschi sulle facciate delle case e nel percorso del santo (vedi, VILLA SANTA MARIA, GUIDA STORICO/ARTISTICO/TURISTICA di Antonio Di Lello), e altri tipi di opere, nei vicoli del centro storico invitando progettisti e artisti di tutto il mondo .
Il sottoscritto, nel riproporLe il progetto con eventuali integrazioni, si augura che voglia cogliere questa opportunità di apportare dei miglioramenti al paese e di incentivare il turismo locale. Rimanendo a disposizione per qualsiasi delucidazione e approfondimento, il sottoscritto porge distinti saluti.
Mauro Carbonetta
Villa Santa Maria, 14 aprile 2017

_______________________________________________________________________________________________________________
LETTERA ALLA REDAZIONE: risposta alla segnalazione del Sig. Carbonetta Mercurio Nicola
DATA: 25/01/2017   
NOME E COGNOME: Genio Civile Regionale di Chieti
EMAIL: protcivile.pref_chieti@interno.it
Data: 25/01/2017
In riferimento alla situazione da Lei prospettata, la informo che questa Prefettura ha provveduto a contattare l’Ing. Masciarelli del Genio Civile Regionale, il quale ha riferito che dopo aver fatto un sopralluogo ha preso contatti con una Ditta specializzata per la rimozione del tronco. Al momento, a causa della piena del fiume Sangro, l’intervento di rimozione deve essere rinviato perché non sussistono le condizioni di sicurezza necessarie per procedere all’intervento. La situazione è comunque monitorata.
_____________________________________________________________________________________________________________________________
LETTERA ALLA REDAZIONE: risposta alla segnalazione del Sig. Carbonetta Mercurio Nicola
DATA: 23/01/2017   
NOME E COGNOME:Genio Civile Regionale di Chieti.

Sig. Carbonetta buongiorno.
Sono l’Arch. Santovito del Servizio del Genio Civile Regionale di Chieti.
Le comunico che, a seguito della sua segnalazione, tecnici di questo Servizio, nella mattinata saranno sul posto per le verifiche e gli adempimenti di competenza.

Ringraziamo per la sensibile collaborazione.   

Distinti saluti

Il Responsabile dell’Ufficio
Arch. Maria Teresa Santovito
_______________________________________________________________________________________________________________
LETTERA ALLA REDAZIONE: Segnalazioni...
DATA: 15/01/2017   
NOME E COGNOME: Carbonetta Mercurio Nicola

Grosso albero caduto e messo di traverso (vedi foto) nelle acque del fiume Sangro in località Viilla Santa Maria (CH)

> Al Signor Sindaco
  del Comune di Villa S.Maria
___________________________
> Alla Prefettura Di Chieti
  Protezione Civile
___________________________
> Ai Vigili del Fuoco di Casoli
___________________________
Comando Stazione Forestale di Villa Santa Maria
___________________________
Il Centro d'Abruzzo
www.villasantamaria.com

Facendo seguito alla segnalazione telefonica del 15 gennaio 2017 e a quella odierna del 20 gennaio 2017, comunico la caduta di un grosso albero messo di traverso nelle acque del fiume Sangro in località Villa Santa Maria.
Si confida in un pronto intervento delle Autorità preposte.
Cordiali saluti.
Carbonetta Mercurio Nicola

Villa Santa Maria, 20 gennaio 2017

P.S.
allego anche una foto del fiume Sangro in piena (località Villa Santa Maria).





_________________________________________________________________________________________________________________________________________
LETTERA ALLA REDAZIONE:
DATA: 15/01/2017
Buongiorno, volevo sapere se era possibile, tramite le sezioni storiche del museo dei cuochi, ricevere informazioni su mio nonno Giustino Salvatore, all'epoca è stato insignito dell'onorificenza di cavaliere. Ringrazio anticipatamente.
LA TUA EMAIL: antonio385@hotmail.it
_________________________________________________________________________________________________________________________________
Oggi, venerdì 6 gennaio 2017, ore 9:44.
Su Villa Santa Maria è in atto una bufera di neve e la coltre bianca supera i 40 cm.
Sul sito www.villasantamaria.eu del COMUNE DI VILLA SANTA MARIA, nella sezione albo pretorio, leggo tale Ordinanza (che riporto in formato immagine).

No comment... anzi, si commenta da sola.
Non ho parole.
Mauro Carbonetta.
_______________________________________________________________________________________________________________________

LA STORIA DEI GRANDI CUOCHI DI VILLA SANTA MARIA


MONUMENTO AL CUOCO
Busto in marmo di Carrara realizzato
da
Mauro Carbonetta

Da oggi questo spazio si arricchisce di una specifica sezione destinata a raccogliere ricordi e testimonianze di villesi che lavorano o hanno lavorato a tempo pieno come cuochi diffondendo la supremazia villese nell'arte culinaria.
Potrete mandare fotografie, articoli, testimonianze di cuochi villesi che si sono distinti nella loro arte.

 NICOLANGELO LEMME
CUOCO DI VILLA SANTA MARIA
          (leggi tutto)
    ANGELO MAIOCCO
CUOCO DI VILLA SANTA MARIA
           (leggi tutto)
 MARIO DI FRANCO
CUOCO DI VILLA SANTA MARIA
        (leggi tutto)
 PASQUALE COTUMACCIO
CUOCO E PASTICCIERE DI VILLA SANTA MARIA
                 (leggi tutto)
 QUIRINO SALVATORE
CUOCO DI VILLA SANTA MARIA
          (leggi tutto)

   GIANLUCA DE MARCO
CUOCO DI VILLA SANTA MARIA
         (leggi tutto)



        MAURO PAVIA
CUOCO DI VILLA SANTA MARIA
        (leggi tutto)
   FRANCO SPAVENTA
CUOCO DI VILLA SANTA MARIA
       (leggi tutto)
   ORLANDO FINAMORE
CUOCO DI VILLA SANTA MARIA
         (leggi tutto)
   ANTONIO STANZIANI
CUOCO DI VILLA SANTA MARIA
            (leggi tutto)
      VITTORIO SACCONE
CUOCO DI VILLA SANTA MARIA
          (leggi tutto)














ANTONIO NICOLA D'ALONZO
CUOCO E PASTICCIERE DI VILLA SANTA MARIA
NICOLA ESPOSITO
CUOCO DI VILLA SANTA MARIA
LUIGI NARDIZZI
CUOCO DI VILLA SANTA MARIA
SPAVENTA PASQUALE
CUOCO DI VILLA SANTA MARIA
SPAVENTA GIOVANNI
CUOCO DI VILLA SANTA MARIA
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu