CORRISPONDENZA DA VILLA - Villa Santa Maria, Patria di San Francesco Caracciolo

Vai ai contenuti

Menu principale:

-Corrispondenze da Villa S. Maria-
Da oggi iniziamo una serie  di corrispondenze da Villa allo scopo precipuo di avviare o incrementare un contatto sistematico  con i Villesi  residenti e soprattutto con quelli sparsi per l’Italia e nel mondo  che del nostro amato paese sentono grande nostalgia.
L’idea è venuta in questi giorni avendo verificato che la pubblicazione su Facebook di alcune foto antiche ha ricevuto un entusiastico riscontro da parte di moltissimi compaesani e soprattutto tra quelli residenti fuori Villa a cui, ovviamente, il nostro paese manca  di più rispetto a chi ci abita stabilmente. Ho riscontrato che la rete ed il fortissimo sentimento di appartenenza Villese hanno facilitato e stimolato rapporti tra persone spesso residenti in diverse parti del mondo che, magari, si erano persi di vista da anni. E così si sono sviluppati contatti da ogni angolo del globo per richiedere notizie e approfondimenti su personaggi e situazioni presenti sulle foto.
Tutto ciò è bello e stimolante ma comporta inevitabilmente la continua ricerca di notizie ed approfondimenti richiesti da tutti su fatti, persone o cose trattate e dunque la necessità di seguire costantemente gli argomenti pubblicati per non lasciare nessuno scontento o nel dubbio.
Di qui l’idea di ampliare il concetto di fotografie integrandolo magari con documenti, storie, fatti, eventi e circostanze (vecchie ed attuali) che riguardano Villa a 360 gradi . Così tutti potranno seguire la vita paesana da una finestra privilegiata e sistematica. Ovviamente si tratta di un impegno non indifferente nel quale mi aiuterà certamente Mauro Carbonetta  e mi sarà di supporto anche una certa esperienza maturata in 25 anni come corrispondente dalla Val di Sangro del giornale “Il Tempo”. E poi, naturalmente, sarà indispensabile l’aiuto e la collaborazione di tutti i paesani, sia sostenendo l’iniziativa con idee, consigli e richieste, ma anche con materiale fotografico, documentale ed altro che ciascuno certamente possiede e che potrebbe mettere a disposizione per una puntuale pubblicazione a beneficio di tutti.
L’iniziativa si prefigge di stimolare l’interesse di ogni interlocutore che ha a cuore Villa con comunicazioni costanti e puntuali: magari una foto, o un documento, una storia antica o recente, un evento, una manifestazione o altra curiosità paesana,  evitando, nel limite del possibile, ogni sovraccarico o  lungo silenzio. Qualche volta può essere anche una semplice cartolina di saluti da Villa.
Naturalmente rimarremo a disposizione di chiunque voglia richiedere o mandarci qualcosa per le diverse vie: e-mail, Messenger, W.app o anche telefono. Io forse un po’ di più perché sono in pensione ed ho più tempo a disposizione.
Vedremo di chiarirvi e di chiarirci a mano a mano che  la cosa andrà avanti. Oggi nemmeno noi abbiamo le idee del tutto chiare, ma l’entusiasmo certo non manca.

Vito PAOLINI

Villa S. Maria, 6-13 ottobre 1963

Le foto pubblicate si riferiscono ai festeggiamenti organizzati a Villa per il IV centenario della nascita di S. Francesco Caracciolo e più in particolare al rientro del simulacro del Santo dopo essere stato esposto nella Cattedrale di S. Giustino a Chieti.vennero
Lungo il percorso di ritorno le spoglie del Santo  accompagnate dai Superiori, dai Seminaristi del Diocesano e dalle autorità Villesi e furono oggetto di particolare venerazione da parte delle popolazioni dei numerosi centri attraversati e in particolare a Casacanditella, Bomba, Colledimezzo, Pietraferrazzana.
Un fragoroso sparo di saluto accolse l’entrata del Santo nel suo paese nativo e la carovana di oltre 100 macchine che lo accompagnavano. Una grande folla accorse anche dai paesi viciniori fu salutata dal Sindaco Dott. Antonio Castracane. La funzione religiosa del 13 ottobre fu officiata dall’Ecc.mo Arcivescovo di Chieti Mons. Giovanni Battista Bosio.
Nelle foto:
>Il popolo attende le spoglie del Santo e le autorità religiose e civili alla Croce;
>Processione lungo Corso Umberto;
>Mons. Bosio all’ingresso della Chiesa di S. Nicola tra due ali di paggetti che lo ricevono;
>La celebrazione della S. Messa.
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu